Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.
Per ulteriori informazioni clicca qui.

 

Uno strumento nuovo per la Mariano di domani

Con l'inizio dell'anno hanno preso avvio i lavori per l'elaborazione del Piano di Governo del Territorio (PGT): lo strumento che aggiorna e rinnova il vecchio Piano Regolatore Generale (PRG), secondo quanto dettato dalla Legge regionale n. 12 del 2005.

Il nuovo strumento urbanistico non cambia solo nel nome. Il PGT rappresenta infatti la declinazione comunale di una vera e propria diversa modalità di pianificazione: dinamica, multidisciplinare, sostenibile, ecc. che ha contraddistinto gli anni recenti.

Volendo descrivere in breve il nuovo strumento di pianificazione comunale è possibile sintetizzare che:

  • si propone di “governare” il territorio inteso come realtà dinamica e composita di persone, attività e luoghi;
  • non è solo uno strumento urbanistico, ma riguarda l’intero e articolato “sistema città”;
  • si costruisce attraverso un percorso partecipato.

In altre parole il PGT:

  • raccoglie le istanze di dinamicità delle trasformazioni territoriali (un piano che si può calibrare nel tempo);
  • introduce una visione interdisciplinare della pianificazione (omogeneizzazione delle componenti urbanistiche, sociali, economiche, paesistico-ambientali);
  • struttura un percorso di partecipazione e attuazione che valorizza il ruolo delle Amministrazioni locali.

In termini amministrativi il PGT si struttura e articola secondo diverse componenti:

  • il Documento di piano: la strategia generale, le grandi scelte, la valenza sovracomunale;
  • il Piano dei servizi: il piano della città pubblica;
  • il Piano delle regole: le regole tecniche e la pianificazione di dettaglio del territorio.

A questi si aggiunge un documento esterno ma complementare di grande importanza: la Valutazione Ambientale strategica (VAS).

In pratica si tratta di una procedura autonoma e separata rispetto al PGT, che nasce e si sviluppa parallelamente ad esso, attraverso la quale le scelte e gli interventi sono sottoposti a verifica al fine di controllarne la rispondenza rispetto a criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale preventivamente definititi.

Tra le ulteriori novità del PGT vi è anche la cosiddetta "partecipazione". Nella pratica non si tratta di una vera e propria innovazione in quanto la legge regionale ha in sostanza istituzionalizzato una "buona regola democratica" che ogni Amministrazione dovrebbe sempre applicare: la condivisione delle informazioni con i cittadini al fine di informare sulle scelte, coinvolgere nelle decisioni, raccogliere i contributi.

Nel caso specifico il percorso di partecipazione si basa su:

  • incontri pubblici (le assemblee con i cittadini);
  • tavoli di lavoro (con il mondo sociale, le categorie economiche e gli enti istituzionali);
  • il sito web comunale - www.comune.mariano-comense.co.it (luogo virtuale di facile accessibilità dal quale estrarre lo stato di avanzamento dei lavori e al quale far pervenire i propri contributi);
  • il giornale comunale (un periodico e tradizionale strumento di comunicazione che consente di raggiungere tutti i cittadini).

Allo stato attuale dei lavori è in via di definizione un documento preliminare e preparatorio denominato "Indirizzi strategici" che è finalizzato a guidare l'intero processo di PGT sia nel metodo sia nel contenuto.

Tali Indirizzi saranno presto presentati al pubblico e daranno avvio alla fase attiva di dialogo e collaborazione con la popolazione, gli enti, le associazioni, ecc. che è cominciata nel marzo 2006 con l'avvio del procedimento del PGT seguito dalla richiesta di presentazione delle istanze da parte dei cittadini, secondo i disposti dell’art. 13 della LR 12/2005.

Successivamente l’amministrazione ha indetto un bando pubblico per l’affidamento dell’incarico professionale per la redazione del nuovo piano, a cui hanno partecipato 6 gruppi di professionisti, aggiudicato nel novembre 2006 al gruppo di lavoro formato dagli architetti Gianfredo Mazzotta e Fabrizio Monza, incarico avviato ufficialmente nel gennaio 2007.

Ritornando agli aspetti strategici, in via preliminare e generale si possono elencare la materie e i temi che saranno oggetto di approfondimento e progetto nell'ambito del PGT:

  • Sistema ambientale (acque, aria, parchi, flora, fauna, ecc.)
  • Aree agricole e floro-vivaistiche
  • Sistema idrogeologico
  • Paesaggio (urbano ed extra-urbano)
  • Mobilità (viabilità veicolare e ciclopedonale, trasporti urbani ed extraurbani)
  • Urbanistica (tessuto edificato, trasformazioni, rifunzionalizzazioni, ecc.)
  • Sistema sociale (esigenze e aspettative della popolazione)
  • Servizi (salute, istruzione, cultura, sport, ecc.)
  • Sistema economico (iniziative e strutture per lo sviluppo dell'economa locale)

In sintesi un PGT che vuole porre al centro del percorso di lavoro il cittadino, le realtà economico-produttive, il paesaggio, di oggi e di domani. Un piano che sia strumento concreto per un territorio sensibile ed articolato come quello del comune di Mariano Comense.

Documentazione P.G.T.